Artrite reumatoide: studio USA mette sotto accusa specifici batteri del cavo orale
17 Novembre 2023
Artrite reumatoide: studio USA mette sotto accusa specifici batteri del cavo orale
L'artrite reumatoide, la malattia autoimmune che colpisce le articolazioni, può essere collegata alla cattiva salute della bocca e legata in particolare a batteri orali della parodontite che finiscono nel circolo sanguigno.

Lo confermano i risultati di uno studio apparso sulla rivista Science Translational Medicine secondo cui i batteri orali possono entrare nel sangue e scatenare l'attività immunitaria coinvolta nell'artrite reumatoide. Lo studio, condotto nell'ambito di una collaborazione tra diverse importanti università americane, è tra i primi a dimostrare con chiarezza che gli stessi anticorpi che colpiscono le articolazioni nell'artrite reumatoide attaccano anche i batteri che vivono nel cavo orale (principalmente gli streptococchi). 

"Ancora una volta questo studio ci ricorda l'importanza di considerare il trattamento della parodontite come un comportamento molto utile non solo per la salute della bocca - sottolinea all'ANSA Stefano Corbella (SIdP), ricercatore all'Università degli Studi di Milano - ma anche perché trattarla può contribuire a ridurre alcuni fattori che possono peggiorare altre condizioni e malattie sistemiche come l'artrite reumatoide"

Lo studio ha rilevato che nella metà dei soggetti analizzati, affetti da artrite reumatoide, circa il 50% soffriva di parodontite. In una prima fase i ricercatori hanno osservato chiaramente la presenza di batteri orali nel sangue dei pazienti con artrite e parodontite, evidenziando che, in presenza di malattie delle gengive, il numero di batteri che potevano passare nel sangue è molto maggiore. Seguendo una rigida metodologia il gruppo di ricerca ha dimostrato che questi batteri, una volta raggiunto il loro picco massimo di concentrazione nel sangue, attivano i monociti che sono coinvolti nella risposta immunitaria anche acuta contro le articolazioni nell'artrite. In un secondo momento gli esperti hanno analizzato una tantum campioni di sangue di 73 persone, di cui circa la metà con artrite reumatoide ed è emerso che gli anticorpi contro le proteine dei soggetti con artrite reumatoide hanno attaccato anche le proteine prodotte dai batteri della bocca che entrano nel sangue. Questo suggerisce che i batteri della bocca raggiungono il sangue, innescando le cellule immunitarie a produrre anticorpi contro le proteine che causano una recrudescenza dell'attacco immunitario alle articolazioni. 
"Questo studio - afferma il dottor Corbella - conferma ancora una volta che per i parodontologi sarà sempre parte di una buona pratica clinica investigare lo stato di salute generale del paziente".
 


Igiene orale e rischio cancro 

La Harvard T.H. Chan School of Public Health ha evidenziato nuovi e allarmanti pericoli connessi alla scarsa igiene dentale. Queste nuove ricerche hanno evidenziato che una corretta igiene orale riduce sensibilmente il rischio di sviluppare forme tumorali della bocca e dello stomaco. Per arrivare a questo risultato sono state monitorate migliaia di persone per un arco temporale di 20 anni.
Esiste quindi una correlazione diretta tra i carcinomi esofageo e gastrico e l’igiene orale. In particolare, in mancanza di cure dentali, il primo ha un aumento di rischio del 43% e il secondo del 52%. Con la cronicizzazione delle malattie gengivali o la perdita di denti il rischio sale: 42% (tumore all’esofago) e 33% (tumore allo stomaco) in più rispetto a chi ha i denti e non ha patologie infiammatorie.

 


 

Materiale informativo
Non ci sono materiali per questa news.
Video
Non ci sono video per questa news.
Altro da questa azienda
Nessuna informazione.